Ricerca vini
cerca
Rete vendita
Inviate una richiesta di consulenza, oppure contattate i nostri Partner in Italia!
Newsletter
Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime Novità, Offerte e Promozioni!
Pretzhof Blog

Austria

L’Austria in numeri

  • circa 20.000 sono i viticoltori austriaci, solo 6.000 dei quali vendono il loro vino imbottigliato.
  • circa 45.000 sono gli ettari di superficie vitata, il 70% dei quali sono coltivati a vitigni a bacca bianca.
  • circa 2.500.000 sono gli ettolitri di vino prodotto in un anno in Austria.
  • il vitigno più coltivato è il Grüner Veltliner (36% ca.), seguito da Zweigelt, Blaufränkisch e Riesling.

La classificazione del vino austriaco

La classificazione del vino è, in Austria, una materia piuttosto complessa.
Basata sul modello di classificazione tedesco in vigore durante la Seconda Guerra Mondiale, la legislazione del vino austriaca ha subito nel tempo delle importanti modifiche, che l’hanno portata ultimamente ad uniformarsi alle direttive europee in materia di vino. L’Austria si è data delle regole molto rigide, che si basano principalmente sul controllo di origine, sulla limitazione della resa per ettaro, sui livelli di qualità e sul controllo di qualità effettuato da parte dello Stato. In generale, viene operata una classificazione in base all’origine delle uve ed al contenuto di zucchero nel mosto, espresso in KMW, un’unità di misura simile al grado Oechsle tedesco. Partendo dalla fascia qualitativa più bassa, troviamo:
  • Wein ohne Herkunft, vino da uve austriache senza indicazione della zona di provenienza
  • Landwein, vino da tavola proveniente da una delle tre macroregioni austriache
  • Qualitätswein/herkunfttypischer Qualitätswein (DAC)*, vino di qualità di origine tipica
    Sono vini di qualità prodotti con uve da vitigni autorizzati. Le uve devono provenire esclusivamente da uno dei 16 distretti vinicoli specifici dell’Austria. Il peso del mosto per questi vini deve essere di minimo 15° KMW.
  • Kabinett, vino di qualità con residuo zuccherino – peso del mosto min. 17° KMW
  • Prädikatswein, vino con predicato; sono vini di qualità superiore da raccolti speciali di uve mature. In ordine crescente:
    • Spätlese, vino da uve perfettamente mature – peso del mosto min. 19° KMW
    • Auslese, vino da uve mature accuratamente selezionate – peso del mosto min. 21° KMW
    • Beerenauslese (BA), vino da uve surmature e/o attaccate da muffa nobile – peso del mosto min. 25° KMW
    • Ausbruch, vino prodotto esclusivamente con uve attaccate dalla muffa nobile o essiccate naturalmente – peso del mosto min. 27° KMW
    • Trockenbeerenauslese (TBA), vino da uve quasi totalmente appassite e botritizzate – peso del mosto min. 30° KMW
    • Eiswein, vino da uve raccolte e pressate una volta avvenuto il congelamento su pianta – peso del mosto min. 25° KMW (come Beerenauslese)
    • Strohwein/Schilfwein, vino da uve essiccate all’aria su paglia o canne per almeno 3 mesi – peso del mosto min. 25° KMW
*Districtus Austriae Controllatus (DAC)
Questa dicitura (dal latino: distretti controllati di Austria) è una nuova denominazione geografica simile alla AOC francese o alla DOCG italiana. Essa è stata introdotta di recente per supplire ad una mancanza di classificazione interna ai Qualitätswein. L’obiettivo è quello di immettere sul mercato con l’indicazione del distretto di provenienza solo i vini più rappresentativi per quel territorio, e di etichettare gli altri con un’indicazione di provenienza generica. Dal 2002 ad oggi (maggio 2012), solo 7 distretti, tra cui il Kamptal, hanno già recepito completamente la nuova normativa, mentre gli altri stanno ancora lavorando al profilamento dei loro vini di qualità tipici.



La Vinea Wachau è un’associazione di viticoltori della Wachau fondata nel 1983. I suoi principi fondamentali sono l’obbligo di lavorazione di uve provenienti esclusivamente dalla Wachau e l’impegno senza compromessi a difendere la qualità, la tradizione e la purezza. Per la Vinea Wachau il vino deve essere un prodotto completamente naturale, che porta in sé la piena espressione e le peculiarità della sua zona di provenienza. Il Codex Wachau e i marchi registrati Steinfeder, Federspiel e Smaragd sono sinonimo di produzione naturale, origine protetta e controlli rigorosi. La Vinea Wachau ha operato una classificazione interna dei vini secchi di qualità unica in Europa, che divide i vini in base al contenuto di alcool.


Classifica i più leggeri tra i vini di qualità della Wachau, con una gradazione alcolica di massimo 11,5% ed una struttura fragrante con tipiche note fruttate. Il nome deriva dalla Steinfedergras (Stipa pinnata – lino delle fate piumoso), un’erba che cresce in prossimità delle viti sulle terrazze della Wachau.


Rientrano in questa classificazione i vini con un peso del mosto di minimo 17° KMW ed una gradazione alcolica tra i 11,5% e 12,5%. Questi sono solitamente i vini secchi classici con una maggiore complessità ed aromaticità e con un carattere più marcato. Il nome (in italiano traducibile come “gioco di piuma”) deriva dalla caccia con il falco, in passato una delle forme di caccia più amate dai nobili della Wachau.



Identifica i vini migliori e più preziosi dei vignaioli della Wachau, con una gradazione alcolica minima di 12,5%. Uve perfettamente mature ed un’alta concentrazione naturale negli acini permettono la produzione di vini di formato mondiale. La lucertola smeraldo, dalla quale deriva il nome (Smaragd=smeraldo), trova un habitat ideale nei vigneti della Wachau. Nelle belle giornate, essa si espone al sole accanto alle viti, diventando il simbolo di vini dalla perfetta maturazione fisiologica.